Coronavirus: secondo caso accertato alla scuola Don Bosco-D’Assisi

Torre del Greco: è un maestro residente a San Valentino Torio

coronavirus-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca-e-dintorniC’è un secondo caso, accertato, di contagio da Coronavirus, alla scuola D’Assisi Don Bosco. Si tratta di un maestro che sarebbe già guarito da una bronchite e al momento sarebbe in quarantena a casa. L’uomo che insegna alle elementari del plesso D’Assisi, risiede a San Valentino Torio e come la prima collega di Striano, maestra al plesso Don Bosco risultata positiva al Covid-19, mancava da scuola da quasi due settimane per motivi di salute. Esattamente dal 21 febbraio.

La notizia, ufficiale, è stata comunicata dall’Asl Napoli 3 al sindaco Giovanni Palomba che si trova a gestire una situazione molto delicata anche se invita la popolazione a mantenere la calma.

In totale, al momento, sono due le persone contagiate – un maestro del plesso D’Assisi e una maestra del plesso Don Bosco – mentre per altre due che pure sono ricoverate all’ospedale Cotugno, si attende ancora l’esito delle analisi. Gli specialisti, infatti, hanno deciso di fare ulteriori approfondimenti sullo stato di salute della docente prelevata dall’abitazione di via Pezzentelle martedì 3 marzo e di una farmacista di Torre del Greco che lavora a Caserta.

“Il professore risultato positivo al test del Coronavirus”, spiega Rosanna Ammirati, dirigente dell’istituto comprensivo D’assisi Don Bosco, “sta bene e sembra già guarito. È stato lui stesso a chiamarmi per comunicarmi l’esito del tampone. Giovedì 5 marzo incontrerò di nuovo il sindaco Giovanni Palomba, l’assessore Enrico Pensati e il responsabile dell’Unità di prevenzione dell’Asl, Vincenzo Sportiello, per valutare ulteriori misure da mettere in campo”. 

Leggi anche Coronavirus insegnante positiva al test

Leggi anche Coronavirus aule chiuse per quattro giorni 

Leggi anche Chi è la maestra positiva al Covid19

Leggi anche Coronavirus allarme per un’altra insegnante

 

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto