Vincono i commercianti: arriva il sì all’isola pedonale anche in corso Vittorio Emanuele

Torre del Greco, il dispositivo in vigore nei weekend del periodo natalizio

villa-comunale-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca-e-dintorniIl Comune accoglie la richiesta dei commercianti e dispone la chiusura al traffico del primo tratto di Corso Vittorio Emanuele a Torre del Greco durante i weekend del periodo natalizio. Dunque, fin dal prossimo fine settimana, le transenne saranno sistemate all’incrocio tra via Circumvallazione e corso Vittorio Emanuele e il perimetro dell’area pedonalizzata si estenderà fino a via Diego Colamarino, via Salvator Noto e via Roma. Resterà invece aperta al passaggio delle macchine via Vittorio Veneto: le auto avranno la possibilità di attraversare corso Avezzanna e usare i due parcheggi privati che si trovano in zona.

La decisione, sollecitata dall’assessore alla Viabilità Raffeaele Arvonio e dalla consigliera comunale Carmela Pomposo per soddisfare le esigenze commerciali dei negozianti che l’8 dicembre hanno riscontrato effetti positivi sull’ambiente e sulle vendite, è stata annunciata dal comandante della Polizia Municipale, Salvatore Visone, che ha deciso di recepire anche l’invito dell’Ascom. È di oggi, mercoledì 11 dicembre, la richiesta con la quale l’associazione di categoria chiede di ripetere l’esperimento “improvvisato” durante il weekend dell’Immacolata e di sgomberare dalle macchine corso Vittorio Emanuele, compresa la villa comunale  e il tratto di strada sulla quale è stata costruita fontana.

“Riteniamo, però, fondamentale”, spiega Giulio Esposito, presidente dell’Ascom, “che si studi un dispositivo per la viabilità che non penalizzi le strade circostanti e il traffico cittadino. L’Ascom è disponibile fin da subito ad un confronto per individuare la soluzione più idonea”.

 

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto