Torna il funerale a Carnevale. L'antico rito celebrato a Torre del Greco dagli artisti dei Luna Janara. Foto e Video.

53472704_10213893382544051_2544887673294684160_n.jpg

Un rito antico, sconosciuto alle nuove generazioni ma ancora impresso nella memoria degli anziani. La morte e il funerale di Carnevale che tradizionalmente si celebrava il martedì grasso in alcuni paesi della provincia di Napoli, dopo oltre quarant’anni è tornato a Torre del Greco centro e precisamente nel cuore pulsante della città. Il corteo funebre con il fantoccio di Vincenzo Carnevale adagiato sul carroccio addobbato; il pazziariello interpretato da Antonio Quartuccio, il sacerdote benedicente (Raffaele Califano) e ‘o schiattamuorto (Toto Toralbo), dalle 16 alle 19 del 5 marzo, hanno attraversato le strade del mercato, passando per via Falanga, corso Umberto, I vico Abolitomonte, via Roma, Diego Colamarino e piazza Santa Croce.

Un rituale vecchissimo riportato in auge da Toto Toralbo, Carmine Vacca, Gerardo Oliva, e Raffaele Califano, i quattro artisti dei Luna Janara che ormai da tempo lavorano sulle melodie della tradizione popolare per riconsegnarle ai più giovani. Il funerale di Carnevale è stato riproposto ai torresi a costo zero, grazie alla collaborazione dei ragazzi che vivono nei vicoli storici della città e che costruiscono negli androni dei palazzi i cosiddetti carricielli che l’8 dicembre accompagnano il carro trionfale dell’Immacolata.

[wpvideo Pm90fk1R]

E non solo: Torre del Greco ha potuto festeggiare di nuovo il martedì grasso con il tradizionale funerale a Carnevale, grazie ai giovani della Casa del Popolo e ai musicisti della banda Atmc diretta dal maestro Raimondo Esposito: Biagio Buonanno, Mauro Vanacore, Ciro Gisonni, Marina Masturzo, Marcella Onzo, Emanuela Buondonno e Angelo Serbante, che hanno accompagnato il corteo con musiche popolari e marcette.

[wpvideo QteOzrr7]

“La tradizione vuole che il fantoccio di Vincenzo Carnevale e il carroccio vengano bruciati”, spiega Toto Toralbo. “Per non creare problemi alla viabilità e all’ordine pubblico, abbiamo preferito smantellarli. Ma siamo soddisfatti perché siamo riusciti a organizzare in pochi giorni un evento completamente dimenticato dalla collettività. L’obiettivo dei Luna Janara è proprio questo: riportare alla memoria tradizioni scomparse partendo dal basso e facendo partecipe il popolo che è il fulcro della città”.

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto