Straordinari non pagati: 27 operai in malattia. Guerra fredda tra netturbini e Buttol

Torre del Greco, i sindacati proclamano sciopero per il 29 giugno

Sono tesi i rapporti tra gli operatori ecologici e la Buttol, la ditta che ha vinto l’appalto da cinque milioni di euro per i prossimi quattro anni a Torre del Greco. Lo dimostrano due particolari: lo sciopero indetto per il prossimo 29 giugno e la malattia che ha colpito contemporaneamente 27 operai che, la mattina del 17 giugno, dopo aver presentato un certificato medico lamentando varie patologie, non sono scesi a lavorare. Sintomi inconfutabili che rafforzano, però, l’idea di un malcontento generale tra i dipendenti sul trattamento economico.

Secondo i sindacati che stanno lottando per il riconoscimento di un indennizzo pari a trecento euro, a molti operai non sarebbero state riconosciute le ore di straordinario. Così, la busta paga di netturbini, autisti e ispettori e capisquadra, si sarebbe alleggerita, in totale, di cinquecento euro. Una cifra di non poco conto per le famiglie monoreddito che, tra bollette e spese quotidiane, dichiarano di non arrivare alla fine del mese. Dunque, una riduzione di stipendio che starebbe mettendo a dura prova la tempra dei lavoratori, molti dei quali soffrirebbero di stress psicofisico. A favorire malesseri e malori, sempre secondo i sindacati di categoria, ci sarebbero anche i continui cambi di turno imposti dall’azienda ai capisquadra e sorveglianti.

Argomenti scottanti che più volte sono stati denunciati dai sindacati: gli stessi che adesso attendono un confronto con l’azienda nella speranza di riuscire a trovare un accordo che scongiuri anche lo sciopero del prossimo 29 giugno.

Intanto sul presunto mancato pagamento degli straordinari i vertici aziendali della Buttol respingono le “accuse”, assicurando che tutto è in regola.  

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto