“Spendi in città e il Comune ti rimborsa”. L’idea per sostenere le aziende del territorio

Torre del Greco, i consiglieri Frulio e Liguoro chiedono il contributo una tantum per i residenti

giudice-di-pace-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca-e-dintorni
Gaetano Frulio

C’è chi non vuole farsi trovare impreparato al dopo Coronavirus e con occhio lungimirante già pensa alla fase 2, quella che programma la ripartenza, anche se lenta, della Nazione. I consiglieri comunali, Gaetano Frulio e Luisa Liguoro, in questi giorni di quarantena forzata per tutti, hanno studiato la ripresa mettendo nero su bianco una serie di proposte che saranno portate all’attenzione del sindaco e del Consiglio comunale: idee che puntano al sostegno delle attività produttive di Torre del Greco.

La ripresa, secondo Frulio e Liguoro, potrebbe passare attraverso la cosiddetta Carta Spesa finanziata una tantum dal Comune con i soldi prelevati dagli avanzi di Bilancio, e destinata a tutti i torresi residenti in città da almeno un anno, senza differenza tra benestanti e bisognosi. 

“L’idea”, spiega Gaetano Frulio “è quella di dare una mano ai commercianti, agli imprenditori, ai ristoratori e a chiunque sia stato costretto a fermare le attività in questo periodo. Con questa Carta Spesa, vogliamo spingere le famiglie a comprare oggetti di cui farebbero a meno in un momento di ristrettezze economiche. Quindi non pensiamo al cibo o ai generi di prima necessità. Il criterio è semplice. Il Comune regala una cifra pro-capite ponendo alcune condizioni: i soldi devono essere spesi in negozi o in aziende di Torre del Greco e in un arco di tempo ben preciso. Riteniamo che questo meccanismo possa dare una spinta all’economia e aiutare quei commercianti, i ristoratori o gli artigiani che da oltre un mese hanno le serrande abbassate”.

giudice-di-pace-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca-e-dintorni
Luisa Liguoro

“È necessario”, aggiunge Luisa Liguoro, “stimolare il tessuto produttivo del territorio e offrire ossigeno al commercio e alle piccole e medie imprese. Pensiamo che questa card possa essere finanziata con i soldi che il Comune non è riuscito a spendere. L’anno scorso, abbiamo avuto un avanzo di Bilancio di circa sei milioni di euro: di solito questo denaro viene utilizzato per finanziare lavori straordinari, manifestazioni o feste. Questa volta, pensiamo che sia doveroso sostenere tutti i cittadini, senza distinzione di reddito, che si trovano comunque in difficoltà a causa di questo stop prolungato e ciò lo si può fare facendo ripartire quanto prima l’economia della nostra città”

Ma il documento presentato al Sindaco dai due consiglieri di maggioranza, oltre a chiedere la sospensione del pagamento di tutte le tasse comunali, punta l’attenzione anche sul potenziamento dell’ospedale Maresca con l’acquisto di attrezzature da destinare ai reparti; e della polizia municipale con l’assunzione a tempo determinato di almeno trenta agenti, indispensabili per garantire il controllo del territorio nella fase del post Covid.

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto