Lite per il primariato: al Maresca i chirurghi non sanno da chi prendere ordini

Torre del Greco, una situazione che paralizza gli interventi e le attività degli ambulatori

ospedale-maresca-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca-e-dintorniÈ una situazione assurda quella che stanno vivendo i chirurghi dell’ospedale Maresca a Torre del Greco. Da qualche giorno, infatti, gli specialisti di via Montedoro non sanno a quale “capo” rispondere. Un pasticcio che sta trasformando il reparto in un teatrino: se in gioco non ci fosse la salute di migliaia di persone, lo potremmo definire addirittura comico e grottesco.

Tutto nasce dalla decisione dell’Asl Napoli 3 Sud di trasferire a Torre del Greco le attività specialistiche dell’ospedale di Boscotrecase, diventato nel frattempo struttura Covid. Una fusione che non riesce a mettere d’accordo le diverse anime del Maresca e del Sant’Anna e, in particolare, il responsabile dell’unità operativa semplice dipartimentale di chirurgia generale a indirizzo di oncologico, Lorenzo Fiore, e il responsabile della Unità operativa complessa di chirurgia generale dell’area vesuviana, Francesco Pignatelli. Entrambi hanno nomine formali, rivendicano un ruolo apicale all’interno del reparto e firmano ordini e turni di servizio. Nel mezzo ci sono i chirurghi che non sanno a chi fare riferimento. Il risultato è la paralisi delle attività chirurgiche ambulatoriali e di reparto. 

Una situazione ingarbugliata sulla quale non è riuscita a fare chiarezza neanche la nota del direttore sanitario del Covid Hospital di Boscotrecase, Marziani, che ha ordinato ai chirurghi del Maresca di prendere in considerazione i turni programmati da Francesco Pignatelli. Ma l’indicazione non ha dato i suoi frutti perché al documento interno, secondo i lavoratori, manca l’ok formale del direttore sanitario del Maresca, Siani.

“Ci trattano come burattini”, protestano i chirurghi. “Noi stiamo lavorando in una condizione assurda perché non sappiamo come dobbiamo comportarci, ma chi paga le conseguenze vere, sono i malati”.

“Nei prossimi giorni”, assicura Gaetano D’onofrio, direttore sanitario dell’Asl Napoli 3 Sud, “organizzeremo una call interna alla quale saranno invitati tutti i chirurghi. Poiché le due Unità hanno una certa autonomia, saranno i medici a scegliere con chi lavorare”.

Nel frattempo gli interventi e gli ambulatori di chirurgia restano bloccati.

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto