Si aggrava il medico diacono contagiato dal Covid. Il sacerdote: “Preghiamo per lui”

Torre del Greco, l’uomo è un medico che potrebbe aver contratto il virud dopo aver visitato un paziente

covid-chiesa-santo-antonio-torre-del-greco-mariella-romano-cronacaSi aggravano le condizioni di salute del medico diacono che presta servizio nella parrocchia di Sant’Antonio a Brancaccio a Torre del Greco. Durante la notte l’uomo, che da qualche giorno è ricoverato all’Ospedale del Mare, è stato sedato e intubato per l’acuirsi delle difficoltà respiratorie. Una situazione che sta mettendo in allarme la famiglia e i tanti amici con i quali il professionista ha condiviso momenti di gioia e di dolore, portando nelle case e ai malati del quartiere il conforto della Parola e del Corpo di Cristo. 

Leggi anche Volontario positivo al Covid: chiusa la Chiesa di Sant’Antonio

“Questo è il momento di pregare”, dice affranto il parroco, don Raffaele Del Duca. “Le condizioni del nostro amico e collaboratore fidatissimo ci fanno preoccupare, ma dobbiamo avere fiducia nel Signore. A tutti chiediamo di unirsi a noi nella preghiera”.

Tra i tanti attestati di stima e di affetto che stanno arrivando alla famiglia per l’onestà, il rigore morale e le tante buone azioni compiute dal professionista volontario, c’è anche la voce stonata di persone grette e ignoranti che parlano a sproposito.

“Da qualche giorno”, spiega il parroco, “mi vengono riferiti pettegolezzi e chiacchiericci che fanno male e offendono la dignità e l’intelligenza di chi dice di essere cristiano. Sento dire da chi ignora i fatti che il nostro amico ha portato il virus in Parrocchia infettando i fedeli: bugie e offese che non voglio più ascoltare. Il nostro volontario si è sempre speso per gli altri ed è stato contagiato perché non si è tirato indietro di fronte alle persone malate. Farlo passare adesso per l’untore della Parrocchia è una cosa che non accetto: quindi invito tutti a tacere e rispettare la sensibilità di chi gli vuole bene”.

L’uomo che ha contratto il Covid, infatti, oltre a prestare servizio in parrocchia, è un medico di famiglia molto apprezzato sul territorio: non si esclude che il professionista, sempre attento a garantire sicurezza per se stesso e per gli altri, possa essere stato contagiato a sua volta da un paziente. 

“Intanto”, conclude don Raffaele Del Duca, “come prevede il protocollo, il salone, i locali al piano superiore e la chiesa saranno sanificati lunedì e martedì 20 ottobre saremo pronti a spalancare le porte a chiunque abbia desiderio di venire qui a pregare”. 

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto