Ercolano. Il sindaco Buonajuto mette le mani nella monnezza e trova il "DNA" di settanta trasgressori. Tutti multati.

BUonajuto-monnezza1Giacca blu e camicia azzurra, è sceso all’alba per mettere le mani nella spazzatura e leggere nel sacchetto dell’immondizia lasciato ai margini delle strade, il “DNA” degli incivili. Il sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto, alle prime luci del giorno di venerdì 3 agosto, si è fatto netturbino e investigatore. Affiancato da due pattuglie della Polizia Municipale, ha girato per via Roma, corso Resina e via D’Annunzio per poi andare nei pressi del casello autostradale con un solo obiettivo: dare un volto e un nome alle persone che depositano rifiuti indifferenziati ignorando le regole del Comune e il calendario che, ad esempio, la sera di giovedì impone ai cittadini di lasciare nei punti stabiliti solo la frazione umida. Una cattiva abitudine che contribuisce a sporcare la città.

L’operazione è stata un successo anche perché i residenti “fuorilegge”, certi di rimanere impunti, non si sono neanche preoccupati di nascondersi: in qualche caso, nei sacchetti mancava solo l’albero genealogico dei trasgressori. In un caso è stato ritrovato addirittura un attestato di laurea. Dunque, non solo indizi, ma documenti e bollette che hanno consentito ai vigili di dare un volto, un nome e un cognome a settanta persone che adesso riceveranno il regalo di Ferragosto: una raccomandata in busta chiusa con multe da 50 a 500 euro.

“È un schifo”, dice infuriato il sindaco Ciro Buonajuto, “ma continueremo a fare di tutto per rendere la vita difficile a questi schifosi. Negli ultimi quattro mesi, grazie ai nostri controlli sui sacchetti e all’attività di videosorveglianza, sono state elevate centinaia di multe. Oltre alla repressione, è stata fatta anche una campagna di informazione con la distribuzione di quindicimila opuscoli nelle scuole. Purtroppo c’è una parte della popolazione che vuole continuare a sguazzare nell’inciviltà e proprio questa parte è quella che più si lamenta contro le Istituzioni per lo schifo che loro stessi producono. Noi proseguiremo su questa strada e continueremo a combattere contro gli incivili”.

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto