Il sindaco Giovanni Palomba con il consigliere Antonio Spierto

Crisi politica. Slitta il confronto tra sindaco e maggioranza, aumentano le divergenze

Torre del Greco, l’azzeramento della giunta non è piaciuta agli alleati di Giovanni Palomba

Il sindaco di Torre del Greco avrebbe voluto chiudere la crisi in poche ore. Azzerata la giunta, con una mossa a sorpresa, sperava di incontrare gli alleati nel pomeriggio di giovedì 7 gennaio e risolvere la questione in serata. Però, non aveva fatto i conti con i malumori generati dalla decisone, a sorpresa, di sparigliare le carte e rimettere in discussione i vecchi accordi con gli uomini e le donne della sua maggioranza. I consiglieri dei diversi schieramenti, al pugno duro del primo cittadino, hanno infatti risposto disertando la riunione chiarificatrice che avrebbe dovuto tenersi a Palazzo Baronale giovedì sera ma che, per l’assenza degli esponenti politici, è slittata a venerdì 8 gennaio alle 19.

Leggi anche Ritirate le deleghe a tutti gli assessori, il sindaco di Torre del Greco azzera la giunta

Una situazione che, nel pieno della pandemia da Covid, lascia presagire tempesta. Tra gli alleati di Giovanni Palomba, infatti, sono in tanti a non aver compreso e condiviso la mossa del sindaco di sollevare dall’incarico tutti gli assessori azzerando le deleghe. Se fino a prima dell’Epifania, si parlava di un mini rimpasto con la sostituzione di Gennaro Granato, Lucia Giordano e Raffaele Arvonio, oggi la giunta – e forse l’intesa tra le parti – non esiste più. 

Leggi anche Tre assessori in bilico e nuove alleanze in Consiglio, il sindaco Palomba in affanno

Come finirà è difficile dirlo. Tra i corridoi di Palazzo Baronale si sussurra che i consiglieri della neonata Federazione “Il cittadino ora svolta” non hanno intenzione di mollare gli assessori in carica né le rispettive deleghe. Luigi Caldarola e Pasquale Brancaccio sarebbero pronti a riconfermare Luisa Refuto e a rivendicare per lei la poltrona di vicesindaco e le Politiche Sociali. Anche Ciro Piccirillo e Salvatore Gargiulo, punterebbero ancora su Elena Ciavolino, mentre Carmela Pomposo e Simone Gramegna sarebbero pronti a sostituire il dimissionario Raffaele Arvonio – responsabile dell’Igiene Urbana e della Polizia Municipale – con un altro professionista e, forse, rinunciando ai settori di competenza. Stesso discorso per Michele Langella e Lucia Vitiello che, a quanto pare, intendono rinnovare la fiducia a Enrico Pensati, assessore alla Cultura e all’Istruzione. In bilico, invece, Luigi Civelli che fa riferimento ad Antonio D’Ambrosio: se dovesse ancora valere la regola di un assessore per due consiglieri, D’Ambrosio non avrebbe diritto ad avere un suo rappresentante in giunta. Ma, secondo indiscrezioni, l’erede del dottore Tommaso D’Ambrosio pur di conservare la posizione, sarebbe disposto a rinunciare a Civelli per fare spazio ad una donna. Una mossa che aiuterebbe il sindaco a risolvere il problema delle quote rosa in giunta e a fare spazio a Felice Gaglione che prenderebbe il posto di Lucia Giordano.

dimissioni-presidente-del-consiglio-comunale-felice-gaglione-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca-e-dintorni
Felice Gaglione

Ma Giovanni Palomba, nominando assessore l’ex presidente del Consiglio, sarà costretto a fare i conti con diversi esponenti della maggioranza che da Felice Gaglione aspettano ancora le scuse per essersi dimesso da consigliere dicendo di non voler “passare un guaio”. Una frase che pur essendo stata smentita dall’interessato, continua a rimbombare nei corridoi del Palazzo.

Ultimo problema sul tavolo del sindaco, la sostituzione di Gennaro Granato, assessore al Bilancio: secondo accordi pre-elettorali, dovrebbe entrare al suo posto Giuseppe Speranza, ex assessore della giunta di Ciro Borriello. Un semplice passaggio di testimone che sta invece contribuendo a rompere gli equilibri tra gli (ex?) alleati Vittorio Guarino e Anna Laura Guarino.

Su tutto questo aleggia lo spettro del Covid e la maledizione dei rifiuti che hanno trasformato Torre del Greco in un immondezzaio.

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

1 Comment

Comments are closed.

error: Contenuto Protetto