Covid, droni per sanificare le aree infette: il progetto di due torresi sperimentato a Casoria

Anche San Giorgio a Cremano e Cercola dicono sì all’idea dei professionisti di Torre del Greco

drone-covid19-mariella-romano-cronaca-e-dintorni
Multirotore a 8 eliche, può portare fino a 25 litri di liquido igienizzante

Sono cinque esperti e da settimane lavorano dietro le quinte per capire come fermare l’epidemia da Covid19. Lo staff, composto da professionisti che arrivano da Roma, Piacenza, Portici e San Giorgio a Cremano, è stato messo in piedi dai titolari dello studio di ingegneria NSG di Torre del Greco, Gaetano Licata e Pasquale Oliva: sono loro il cuore di questo progetto che potrebbe segnare una svolta nella lotta al Covid19.

Da quando è scoppiata l’epidemia, Gaetano Licata e Pasquale Oliva, specializzati in rilievi topografici con i droni,  hanno iniziato a studiare soluzioni progettando interventi di decontaminazione delle aree infette e non infette. Ispirati dal metodo cinese, hanno pensato di usare i droni per sanificare strade, palazzi, supermercati, ospedali e interi quartieri. Questi macchinari telecomandati a distanza, alzandosi in volo, spruzzerebbero un liquido disinfettante a base di perossido di idrogeno capace di contrastare in maniera efficace e immediata le molecole del nuovo Coronavirus. Il preparato, fornito dall’azienda Infinity Biotech di Piacenza dell’ingegnere Roberto Facchini (che fa parte del team), è già stato testato.

drone-covid19-mariella-romano-cronaca-e-dintorni
Pasquale Oliva e Gaetano Licata

“L’intervento dei droni nella bonifica delle aree contaminate”, spiega l’architetto Licata, “è uno strumento fondamentale per contrastare il contagio da Covid19. Ovviamente devono avere particolari caratteristiche tecnico-funzionali per alzarsi ad una quota che può variare dai 15 ai 25 metri. A quell’altezza, l’attività di decontaminazione con il liquido disinfettante, è altissima. Dissolve in modo istantaneo il virus contenuto nelle molecole delle polveri che fluttuano nell’area e che si adagiano su strade e oggetti”.

Un progetto che fonda la teoria su basi scientifiche e che presto potrebbe essere applicato in diversi Comuni dell’area vesuviana che hanno già aderito al protocollo stilato dallo studio NSG e dalla Infinity biotech spa: San Giorgio a Cremano, Cercola e Casoria dove si tiene, lunedì 30 marzo, alla presenza del vicepresidente della Regione Campania, Tommaso Casillo, una prima sperimentazione della decontaminazione con i droni.  

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto