Cantiere abbandonato: furto nella futura cittadella del corallo

Torre del Greco, lavori fermi per un’inchiesta della magistratura e un contenzioso tra il Comune e la ditta appaltatrice

cittadella-corallo-torre-del-greco-mariella-romano-cronacaÈ stato sfregiato ancora prima di essere terminato e collaudato. E, durante il lockdown, è stato anche saccheggiato da chi continua a intrufolarsi per trovare riparo da occhi indiscreti. Abbandonato dalla ditta appaltatrice che è responsabile della custodia, il cantiere dell’ex mercato di via Purgatorio, a Torre del Greco – destinato a diventare cittadella dell’artigianato e del corallo – rischia di essere completamente devastato dai tossicodipendenti e dai ladri che hanno già portato via la rubinetteria e altro materiale non ancora catalogato. E non solo: mura, solai e pavimenti di molte botteghe ormai terminate, sono nere di umidità o impregnate di acqua.  

cittadella-corallo-torre-del-greco-mariella-romano-cronacaIl cantiere è stato chiuso nel 2019, quando i lavori erano ad un passo dalla conclusione. L’opera, infatti, è rimasta in sospeso anche per un’inchiesta della magistratura. Oggi, a bloccare la ripresa degli interventi c’è un contenzioso tra il Comune di Torre del Greco e la ditta: una controversia legale che, fino ad oggi, ha impedito all’amministrazione pubblica di verificare la consistenza dello stato dei lavori eseguiti e di ritornare in possesso dell’area. Due passaggi fondamentali sui quali sta tentando di mettere ordine l’assessore ai Lavori Pubblici, Elvira Novella Ventimiglia, proprio per favorire la conclusione dell’opera.

novella-ventimiglia-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca
Elvira Novella Ventimiglia

“Dobbiamo risolvere alcune questioni burocratiche e tecniche di importanza assoluta per andare avanti: senza questi passaggi non è possibile ripartire. Con il dirigente Giuseppe D’angelo, l’ufficio avvocatura del Comune e con il consulente esterno Andrea Di Lecce che da sempre sta seguendo la vicenda, abbiamo programmato azioni che ci consentiranno, a breve, di sbloccare definitivamente la vicenda”.   

Il progetto approvato nel 2004, prometteva di realizzare, con un investimento di quasi cinque milioni di euro, una struttura multifunzionale per uffici comunali e attività mercatali, culturali e di intrattenimento. Oltre ad un’ampia area verde, sono previsti 78 posti auto sotterranei; 36 depositi; 34 botteghe; 1 bar-ristoro e 12 box per la vendita all’aperto. Gli spazi esterni e in particolare il piazzale, erano destinati a ospitare, a mercato chiuso, manifestazioni culturali e spettacoli. 

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto