Caccia all’untore su WhatsApp: schedati i nomi di presunti positivi al Covid – Commento

Torre del Greco, denunciati gli autori anonimi della lista discriminatoria

È iniziata la caccia all’untore. È diventato virale un messaggio WhatsApp inviato da sconosciuti sui cellulari di chiunque che, “a titolo informativo per la vostra sicurezza”, fa i nomi e i cognomi di presunti malati Covid rientrati a Torre del Greco dopo aver trascorso un periodo di vacanze in località turistiche italiane. Un elenco dettagliato che fa riferimento alle famiglie di appartenenza e che ha messo alla berlina almeno tredici ragazzi: studenti universitari figli di professionisti e imprenditori, che finendo nel tritacarne mediatico, in queste ore stanno subendo insulti sui social e offese. Una “bravata” che rischia di avere conseguenze pesanti per gli autori anonimi della lista discriminatoria (che sono stati denunciati) e per i giovani che stanno vivendo momenti di stress psicologico.

La vicenda, incresciosa, mi è stata segnalata da un lettore che ha chiesto di conservare l’anonimato e che scrive: “I ragazzi chiamati in causa stanno subendo delle angherie gratuite solo perché in maniera coscienziosa e con senso di responsabilità, per evitare soprattutto di danneggiare le loro famiglie, appena tornati dalle vacanze si sono autodenunciati ed isolati prima di avere i risultati dei tamponi. Hanno vissuto momenti tragici di ansia che non sapevano gestire senza poter avere un abbraccio dai loro cari”.

Una gogna indegna di un Paese civile e democratico alla quale partecipano, più o meno consapevolmente, gli arrabbiati che ringhiano sui social esprimendo giudizi qualunquisti privi di qualsiasi fondamento, puntando l’indice contro le “famiglie-bene” che mandano i propri figli in vacanza all’estero o in località rinomate come Capri e Sardegna. Insulti e commenti da invidia sociale: in Italia, passato il lockdown, nessuna legge vietava di viaggiare e divertirsi. E tornare a casa positivi al Covid non significa necessariamente aver violato i protocolli di prevenzione. 

Non resta che abbassare i toni e fermare le offese: le malattie non sono punizioni e possono colpire chiunque, senza distinzione tra poveri e ricchi.

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto