Buco milionario nei conti del don Orione: nominato un amministratore laico

Cambio al vertice degli istituti di Ercolano e Napoli che si prendono cura dei disabili

Ci sarebbero debiti milionari dietro la decisione di affidare ad un amministratore laico – e non più ai sacerdoti –  la gestione dell’istituto don Orione di Ercoladon-orione-ercolano-mariella-romano-cronacano e Napoli. Un bilancio negativo che fa tremare i polsi ai responsabili della congregazione che hanno nominato il dottor Luigi Silvestri unico referente per le questioni gestionali-amministrative. Un incarico molto delicato che punta a risollevare le sorti della struttura che dà lavoro a centinaia di persone tra Ercolano e Napoli: medici, infermieri, operatori socio sanitari e impiegati. Al nuovo amministratore nominato dai vertici romani toccherà il difficile compito di sistemare i conti, individuare e tagliare gli sprechi e accertare se, nel tempo, ci siano state irregolarità gestionali. Una verifica a trecentosessanta gradi che potrebbe passare attraverso la revisione delle commesse esterne e il ridimensionamento degli incarichi fino ad oggi assegnati.  

È la prima volta, nella storia del don Orione di Ercolano e Napoli, che la gestione amministrativa passa nelle mani di un laico: l’incarico è sempre stato ricoperto dai sacerdoti della comunità orionina.

La nomina di Luigi Silvestri coincide con il trasferimento del direttore don Nello Tombacco e dell’economo don Marco Grossholz. Don Rosario Belli è, invece, la nuova guida carismatica che si occuperà del benessere spirituale dei fedeli.

Leggi anche Debiti al don Orione. Parla l’ex direttore: “Passività ordinaria, il peggio è passato” 

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

1 Comment

  • Grazie per il tuo giornalismo serio e sereno

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto