Angelo Branduardi chiude "Devozioni" con un concerto in Santa Croce, a Torre del Greco, il 18 dicembre.

BranduardiAngelo Branduardi, chiude “Devozioni”, la rassegna diretta da Gigi Di Luca e cofinanziata da Regione Campania e Comune di Torre del Greco in occasione della canonizzazione di San Vincenzo Romano. L’appuntamento con il concerto “Camminando Camminando” – unica tappa in Campania – è fissato per domani, 18 dicembre alle 20,30 nella Basilica pontificia di Santa Croce: l’ingresso è gratuito fino a esaurimento dei posti.

Reduce da una straordinaria tournée in Italia e nel mondo, il cantautore che ama definirsi un “violinista che per combinazione ha scritto anche parole e musica”, accompagnato da Fabio Valdemarin, presenta un concerto acustico in duo, proponendo dal vivo i brani più amati del suo repertorio, in una nuova ed essenziale veste: “Camminando, camminando” è un concerto all’insegna del meno c’è più c’è, un viaggio intimo alla ricerca della magia dei suoni.

Angelo Branduardi

“Nel 2018″, spiega Angelo Branduardi, “è sceso dal mio palco l’amico e collaboratore di lunga data Maurizio Fabrizio, anche lui proiettato verso suoi nuovi progetti e al suo posto adesso c’è Fabio Valdemarin, pianista di formazione classica con tendenza alle divagazioni pop e jazz. La presenza di Valdemarin, che è un polistrumentista, compositore ed arrangiatore, è per me molto stimolante: la nostra collaborazione mi incuriosisce molto”.

“Dal vivo”, aggiunge il cantautore milanese, “eseguiremo brani famosi e meno conosciuti, ma non mancheranno i miei classici. L’intenzione è quella di reinventare i brani che eseguiremo in concerto, smontandoli alla ricerca del nucleo essenziale e rimontandoli con nuove soluzioni. Se il concerto dello scorso anno era essenzialmente basato sul duo chitarristico, questo nuovo live è sicuramente più complesso, potendo contare su un numero maggiore di strumenti musicali in scena: pianoforte, organo, tastiere e tromba di Fabio oltre che, naturalmente, le mie chitarre e il mio violino”.

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto