Tuffo contro gli scogli: quindicenne di Torre del Greco rischia la paralisi

L’incidente è avvenuto in una spiaggia libera di Meta di Sorrento

Rischia la paralisi agli arti inferiori il quindicenne di Torre del Greco che lunedì 6 luglio, intorno alle 14, si sarebbe tuffato, a Meta, in un tratto di costa libero, battendo violentemente contro gli scogli. L’incidente è avvenuto nella zona denominata Resegone alla presenza di decine di bagnanti e di diversi amici del giovane. 

Il ragazzo, soccorso in acqua e portato a riva, ha immediatamente raccontato di non avvertire sensibilità alle gambe: le condizioni, dunque, sono apparse subito gravi. Ma la diagnosi infausta è stata ipotizzata prima dai medici dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Sorrento – dove il quindicenne è stato trasportato da una equipe del 118 – e poi confermata dagli specialisti dell’Unità operativa complessa di Neurochirurgia del Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta dove è attualmente ricoverato. A svelare gli esiti di un grave trauma cervicale, sono state la risonanza magnetica e una tac cervicale. A quanto pare il ragazzino avrebbe riportato una frattura cerebrale e midollare: oltre alle gambe paralizzate, avrebbe poca funzionalità ad un arto superiore. Nelle prossime ore potrebbe essere sottoposto a intervento chirurgico.

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto