Ponte di Genova gestito da Autostrade. Il papà di Giovanni Battiloro: “Mio figlio ucciso due volte”

roberto-battiloro-ponte-morandi-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca
Roberto Battiloro

Sono quasi due anni che Roberto Battiloro, sua moglie Carmela e la loro figlia Laura, cercano la verità. Ventitré mesi che continuano a chiedersi perché quel maledetto 14 agosto del 2018 il ponte Morandi, a Genova, è crollato uccidendo 43 persone tra le quali anche Giovanni Battiloro e i suoi amici di Torre del Greco, Gerardo Esposito, Matteo Bertonati e Antonio Stanzione. Domande che ancora fanno male e rimbombano nel cuore e nella mente. Soprattutto adesso che diventa ufficiale la notizia che il nuovo ponte ricostruito a tempo di record sarà gestito da Società Autostrade che fa capo alla famiglia Benetton: la stessa che si occupava di Ponte Morandi.

“Inaudito”, commenta Roberto Battiloro sul palco del III Memorial Michele Siani a Vietri, consegnando il premio speciale Giovanni Battiloro ad un gruppo di videomaker che si sono formati seguendo un corso professionale dedicato a Giovanni e voluto dall’assessore alle Pari Opportunità Chiara Marciani.

giovanni-battiloro-ponte-morandi-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca
Giovanni Battiloro

“Inaudito e assurdo”, aggiunge Battiloro. “Mi chiedo: se il ministro De Micheli avesse avuto un figlio sotto quelle macerie, avrebbe ridato in affidamento il ponte ad Aspi? Io credo di no. Ma così stanno uccidendo mio figlio e tutti gli altri per la seconda volta. Per un momento ho pensato ad una fake news. Poi ho capito che era tutto vero. E mi è sembrato di ricevere uno schiaffo in faccia. Come è possibile rinnovare quella concessione dopo che tutti gli esponenti del Governo si erano espressi per sottrarre la rete autostradale ad Aspi? È una barzelletta? No, è un Governo senza alcuna credibilità. Con la complicità dello Stato stiamo affidando la concessione alla stessa società che non ha fatto manutenzione sul Ponte Morandi”.

La conferma che Società Autostrade tornerà a gestire il nuovo ponte, arriva a pochi giorni dal processo fissato per il 14 luglio nella sede della Fiera di Genova, nel quale Roberto Battiloro sarà parte civile. Due settimane fa, i legali del papà di Giovanni Battiloro, hanno presentato al Gip il loro incidente probatorio che ricostruisce fatti e responsabilità: i periti del giudice, insieme con i consulenti dell’accusa e della difesa, discuteranno l’esito della perizia sulle cause del crollo.

Intanto il pubblico ministero ha indagato settantaquattro persone. Tra questi, anche alti manager e tecnici di Autostrade per l’Italia e di Spea Engineering, la società del gruppo Atlantia che aveva il compito di monitorare le infrastrutture. L’ipotesi accusatoria si basa sulla carenza di manutenzione e gli addebiti sono, a vario titolo, di omicidio colposo plurimo (aggravato dalla violazione delle leggi sulla sicurezza sul lavoro) e disastro. Inoltre, per il Morandi, come per altri viadotti autostradali, si parla anche di falso: si sospetta che possano essere stati manomessi i report sulla sicurezza per rinviare i lavori di ristrutturazione.

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto