Indagini per capire l’origine del nuovo focolaio Covid. Il sindaco pronto a chiedere i danni

Torre del Greco, “Chi non rispetta le regole sarà chiamato a risarcire”

quarantena-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca-e-dintorniLe autorità sanitarie indagano sul secondo caso di Coronavirus accertato a Torre del Greco sabato 16 maggio. L’obiettivo è quello di ricostruire movimenti e contatti della donna risultata positiva al tampone, non solo per mettere in quarantena le persone a lei più vicine, ma anche per cercare di capire da dove possa essere partito il nuovo focolaio. Un particolare importantissimo in questa seconda fase della pandemia. A quanto pare la maestra di cinquantotto anni che vive con il marito in un appartamento del centro storico, avrebbe dichiarato di non essere uscita da casa negli ultimi due mesi e quindi di non aver fatto incontri particolari. Insomma, avrebbe accusato i sintomi della malattia pur avendo rispettato il distanziamento sociale e l’isolamento.

giovanni-paloma-sindaco-torre-del-greco-mariella-romano-cronaca-e-dintorni
sindaco Giovanni Palomba, foto Pasquale D’Orsi

Ed è proprio su quest’ultimo punto che anche il sindaco Giovanni Palomba ha chiesto di fare chiarezza: “Soprattutto adesso che il peggio è passato e abbiamo imparato le regole fondamentali per tutelarci, abbiamo il dovere di capire”, dice il primo cittadino.

Ma per il momento, a Palazzo Baronale si sta ragionando partendo da un dato che sembra certo: se davvero la signora è rimasta in casa, altri potrebbero aver portato il Covid 19 fin dentro l’appartamento. Un asintomatico? Un parente arrivato da fuori Regione che non si è autodenunciato e non ha rispettato il vincolo della quarantena? Ipotesi, solo ipotesi, sulle quali si sta provando a fare chiarezza.

Intanto il sindaco Giovanni Palomba, in attesa di certezze, ribadisce che da oggi in poi, “chi sbaglia e non rispetta le regole, sarà chiamato a risarcire“. E aggiunge: “Tre mesi fa, questa pandemia ce la siamo ritrovata addosso e abbiamo potuto fare poco per limitare i contagi. Oggi ne sappiamo qualcosa in più: esiste un regolamento che va rispettato per il bene di tutta la comunità. Se qualcuno fa il furbo, sarà chiamato a pagare. Faccio un esempio: chi si ammala produce rifiuti speciali che hanno un costo. Cominceremo da questo: accertate le inadempienze, oltre alle denunce, i positivi al Covid 19 riceveranno anche il conto delle spese a casa”. 

Leggi anche Sale di nuovo il numero dei contagiati dal Covid-19 a Torre del Greco

Finita la tregua: un nuovo positivo al Covid 19 a Torre del Greco

 

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto