L’ultimo saluto a Giovanni Articolo: la bara bianca sulle spalle dei fratelli scout

Torre del Greco, i funerali nella chiesa di Sant’Antonio di Padova

I fratelli scout si sono stretti in un unico abbraccio ai piedi della bara bianca nella chiesa di Sant’Antonio di Padova in via Nazionale a Torre del Greco. Con loro, in prima fila, i genitori di Giovanni Articolo, i cugini, gli zii e i tanti amici che non hanno voluto mancare all’ultimo appuntamento con il diciassettenne morto per un malore, venerdì 31 luglio, mentre percorreva con il gruppo scout Torre del Greco 4 il Sentiero degli Dei. Uniti dal dolore e dall’amore, tutti hanno partecipato al funerale che si è tenuto mercoledì 5 agosto, nella stessa chiesa dalla quale i ragazzi dell’Agesci erano partiti per partecipare ad un campo di pochi giorni, a Santa Maria del Castello, nei pressi della Caserma Forestale verso Positano.

funerali-luigi-articolo-torre-del-greco-mariella-romano-cronacaIntensa e commovente l’omelia di frate Mario che ha raccontato la bellezza interiore di Giovanni e la sua capacità di vivere la felicità godendo delle piccole cose.

“Sono certo”, ha detto frate Mario, “che se avessimo la possibilità di chiedere a Giovanni se è felice lui risponderebbe di sì”.

Parole di speranza e di fede che hanno dato conforto ai genitori ma anche ai ragazzi che quel maledetto 31 luglio erano in montagna con Giovanni e hanno assistito impotenti alla sua fine. Al termine della cerimonia, gli scout hanno voluto abbracciare per l’ultima volta il loro amico portando in spalla la bara bianca. 

Intanto, saranno i risultati dell’autopsia disposta dai magistrati di Torre Annunziata, a stabilire con certezza le cause che hanno determinato la morte del giovane scout.

Questo è il testo della lettera che i capi scout hanno letto durante la cerimonia in chiesa: “Per noi Capi Scout, i ragazzi sono come dei fiori: ognuno ha il suo profumo, il suo colore, la sua forma, la sua specie. Ci sono i fiori più alti e robusti che svettano fieri all’interno del campo, quelli con i petali ancora chiusi perché hanno bisogno di un po’ di tempo e cura per sbocciare o quelli più piccoli, ma comunque colorati e profumatissimi. Voi ragazzi siete i fiori che popolano il bellissimo giardino di Dio. Noi Capi possiamo provare soltanto, con umiltà, a donare il meglio di noi stessi per accompagnarvi in una vita nella quale Dio dona linfa e forza. Tu, Giovanni, sei come un fiore di campo: delicato, semplice, dolce, che profuma di buono, ma con la forza di riempire e rallegrare tutto il prato. Nel nostro cammino insieme sei sempre stato una persona speciale: preciso e rigoroso, per questo impeccabile e affidabile, sensibile, riflessivo e sincero, simpatico e buffo nelle tue battute improvvise che ci facevano scoppiare dalle risate. Con noi sei cresciuto tanto e sei riuscito ad esprimere te stesso, anche se ancora tanto di te avremmo voluto scoprire. […] Grazie per averci donato la fortuna di conoscerti: conserveremo tutto di te, il tuo esempio è la nostra guida. Sei sempre con noi, Giovanni. Buona strada.

Leggi anche Malore in montagna, muore scout di Torre del Greco. Aveva 17 anni 

Mariella Romano

Mariella Romano

Giornalista freelance, ho imparato il mestiere di cronista consumando le suola delle scarpe. Non canto storie, scrivo ciò che vedo e racconto l’umanità che incontro. Non sopporto i numeri. Non so fare equazioni e conti e, in un mondo di variabili, alla ragione preferisco il cuore. Mi piace, assai, la terra in cui vivo.

Articoli Correlati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto Protetto